MEZZOGIORNO E PARTITO DEMOCRATICO. UN’ATTENZIONE NUOVA PER TORNARE AL GOVERNO DEL PAESE (5 giugno 2019)

Cliccando qui sotto puoi leggere il documento Integrale “PD e Mezzogiorno”

Pd e Mezzogiorno 5 giugno 2019 – DEF

Qui puoi leggere la sintesi:

SINTESI

La schiacciante vittoria della Lega alle elezioni europee è stata ottenuta grazie alla sua trasformazione a partito nazionale, che è tuttavia di pura facciata. La Lega è un partito militante antimeridionalista. Si deve comunque prendere atto che molti meridionali guardano alla Lega come ad un riferimento sociale e politico e il partito di Salvini va radicandosi nel Mezzogiorno. Il Partito Democratico è solo il terzo partito del Sud, dietro al Movimento Cinque Stelle e alla Lega. Un fatto clamoroso che non può che richiedere una forte discontinuità nel modo in cui il Partito Democratico guarda al Mezzogiorno ed esiste in questa parte di paese. E’ urgente e non più rinviabile un’analisi puntuale del declino del Mezzogiorno, testimoniato dalla sua desertificazione demografica e industriale; declino registrato ormai da tutti gli indicatori relativi alla qualità della vita. Il Partito Democratico non potrà ambire a tornare al governo se non ridimensionando il peso politico ed elettorale dei suoi competitors nelle regioni meridionali. L’insediamento della Lega, in particolare, rappresenta un pericolo non solo per gli interessi meridionali ma per gli stessi interessi nazionali, perchè tende a mettere in discussione la coesione del paese e in prospettiva ne incrina l’unità e indivisibilità. Al Partito Democratico non sono più consentite né le colpevoli disattenzioni del passato né appaiono percorribili le scorciatoie e le deleghe in bianco di questi anni. Occorre una nuova attenzione per il Mezzogiorno. Ciò presuppone un’analisi senza sconti di quello che è accaduto negli ultimi venticinque anni, nei quali il Mezzogiorno è stato ampiamente governato dal Partito Democratico o dai suoi partiti fondatori sia a livello nazionale che (ancor più) a livello regionale e locale. Purtroppo non sono mancate né le responsabilità dirette né quelle indirette. Il Partito Democratico, sulla base di una limpida e schietta ricostruzione dei fatti, deve saper fare autocritica e voltare pagina. Solo così potrà costruire rapidamente un’Agenda per il Mezzogiorno e promuovere o comunque accompagnare la crescita di una nuova classe dirigente locale e nazionale. Il documento intende rappresentare una riflessione generale e strategica che prelude a documenti tematici più specifici.

 

 

2 pensieri su “MEZZOGIORNO E PARTITO DEMOCRATICO. UN’ATTENZIONE NUOVA PER TORNARE AL GOVERNO DEL PAESE (5 giugno 2019)

  1. Soccodato Giorgio

    Parole chiare e non politichese, ecco di cosa ha bisogno l’ elettorato. Ha bisogno di essere supportato nella vita quotidiana e per i suoi bisogni.

    Rispondi
  2. Enrico Pennella

    Buongiorno Marco, non condivido tutto, ma un ottimo documento ed una base per iniziare finalmente un confronto serio interno al PD. Complimenti. Lo sottoscrivo. Un abbraccio.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...